Migranti, è scontro Salvini-Ong Lifeline: "I fascisti ci fanno promozione". Lui: "Voi mai più in Italia"
Il botta e risposta dopo l'annuncio del ministro su Facebook: "Altre due navi in arrivo, non sbarcheranno da noi". Aquarius domenica a Valencia, alcuni di loro accolti anche in Francia

Il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, non molla. È tornato a parlare di migranti imponendo un nuovo divieto: "Non sbarcheranno in Italia". L'annuncio nel nuovo post pubblicato su Facebook: "Buona giornata Amici. Mentre la nave della Ong Aquarius naviga verso la Spagna (arrivo previsto domenica mattina) altre due navi di Ong con bandiera dell'Olanda (Lifeline e Seefuchs) sono arrivate al largo delle coste della Libia, in attesa del loro carico di esseri umani abbandonati dagli scafisti. Sappiano questi signori che l'Italia non vuole più essere complice del business dell'immigrazione clandestina, e quindi dovranno cercarsi altri porti (non italiani) dove dirigersi. Da ministro e da papà, lo faccio per il bene di tutti". 

Salvini dunque non arretra di un passo. Gli risponde la ong Lifeline con un altro tweet: "Quando i fascisti ci fanno promozione...". Il botta e risposta non si ferma. Con il ministro leghista che attacca: "Una pseudo associazione di volontariato che dà del 'fascista' al vice premier italiano? Questi non toccheranno mai più terra in Italia". E poi un altro tweet: "Dopo avermi dato del 'fascista' (cancellando subito dopo dopo il tweet), ora la pseudo associazione di volontariato tedesca, con nave battente bandiera olandese, batte cassa con un appello in italiano... Ci prendono per scemi, ma in Italia la musica è cambiata! #chiudiamoiporti".

Su Twitter interviene anche il ministro per le Infrastrutture e i Trasporti, Danilo Toninelli: "Le navi ong olandesi Lifeline e Seefuchs stazionano da ore in acque libiche. In violazione del codice di condotta perché non hanno mezzi e personale adatti a salvare un gran numero di persone. E potrebbero mettere in pericolo equipaggi e naufraghi. L'Olanda le faccia rientrare".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata