Migranti, Conte: Protezione esterna forte resta fondamentale per Ue

Roma, 11 dic. (LaPresse) - "Sono meno incisive, ma non meno opinabili, le riduzioni prospettate per il nuovo strumento di cooperazione internazionale, il nuovo Ndici (Neighbourhood, Development and International Cooperation Instrument, ndr). È indispensabile tenere a mente che una protezione esterna forte resta fondamentale per un'Unione europea che intende esercitare un ruolo credibile nei confronti del resto del mondo e rispondere per questa via in modo sempre più efficace alla sfida multi-livello del fenomeno migratorio. Va anche detto, a tale riguardo, che il volume complessivo degli aiuti allo sviluppo dovrebbe poter beneficiare - ma qui il cammino da compiere è ancora lungo - di un maggiore coordinamento delle risorse assicurate dai singoli Stati membri. Per dirla in poche parole, l'Unione europea nel suo complesso è il maggior donatore su scala mondiale, senza che questa sua lusinghiera posizione venga confermata in termini di influenza geopolitica. Penso in particolare al continente africano. Ma non solo". Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, alla Camera, per le comunicazioni in vista del Consiglio europeo del 12 e 13 dicembre.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata