Migranti, Conte: Nessuno si senta autorizzato a chiudersi in suo orto

Roma, 28 feb. (LaPresse) - "Sull'immigrazione clandestina faccio due riflessioni: non bisogna lasciare margini ai trafficanti di esseri umani e nessuno può sentirsi autorizzato a chiudersi nel suo orticello pensando che il problema non lo riguardi. Finora l'Italia è stata lasciata da sola.

Continueremo a batterci perché il problema migratorio sia affrontato per quello che è: un problema che riguarda tutti". Lo dice il presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, durante la presentazione pubblica della 'Relazione sulla politica dell'informazione per la sicurezza', curata dal Comparto Intelligence e relativa all'anno 2018.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata