Mes, Gentiloni: Non ne farei tragedia, Italia libera di scegliere

Roma, 26 apr. (LaPresse) - "Il Mes, tra i tanti compiti e problemi che abbiamo di fronte, tutto sommato è una delle questioni più semplici. Si tratta di una linea di credito fino a 2% del Pil di un Paese, che può essere accesa a una sola condizione, che questi quattrini siano usati per la spese sanitarie e per la prevenzione. Chi ha bassissimi tassi di interesse non è detto che sia interessato, mentre Paesi che li hanno più alti, come l'Italia, potrebbero essere interessati, ma la decisione spetta al governo". Così il commissario Ue agli Affari economici, Paolo Gentiloni, ospite di 'Mezz'ora in più', su Rai3. "Queste linee credito del Mes sono uno degli strumenti che l'Ue mette in campo, non certo il principale - aggiunge -. Non ne farei un tragedia. L'Italia è perfettamente libera di decidere se utilizzarlo". E ancora, spiega: "Capisco perfettamente le implicazioni sul dibattito italiano, da parte di forze di opposizione, antieuropeiste, che l'hanno definito come una 'Spectre'. E c'è la paura che davanti a questa crisi si usino gli stessi criteri di quella di 10 anni fa, ma dalle mosse che sono state fatte non è la stessa cosa".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata