Meeting Rimini, Famiglia cristiana: Si applaude solo al potere

Roma, 21 ago. (LaPresse) - "C'è il sospetto che a Rimini si applauda non per ciò che viene detto. Ma solo perché chi rappresenta il potere è lì, a rendere omaggio al popolo di Comunione e Liberazione. Non ci sembra garanzia di senso critico, ma di omologazione. Quell'omologazione da cui dovrebbe rifuggere ogni giovane. E che rischia di trasformare il Meeting di Rimini in una vetrina: attraente, ma pur sempre autoreferenziale". E' quanto si legge in un lungo editoriale che Famiglia Cristiana dedica all'intervento del presidente del consiglio Mario Monti al Meeting di Comunione e Libarazione in corso a Rimini. Secondo Famiglia cristiana, comunque, "le parole di Monti sono servite a dar fiducia a un Paese con il freno a mano tirato. Anche se il cammino di risanamento è lungo. Un discorso di speranza, con forti contrasti con la realtà". "Un lungo applauso del popolo dei ciellini - si legge ancora - ha accolto il premier. Tutti gli ospiti del Meeting, a ogni edizione, sono stati sempre accolti così: da Cossiga a Formigoni, da Andreotti a Craxi, da Forlani a Berlusconi. Qualunque cosa dicessero. Poco importava se il Paese, intanto, si avviava sull'orlo del baratro. Su cui ancora continuiamo a danzare".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata