Mattarella: "C'è bisogno di sentirsi comunità. No astio, insulto e intolleranza"

Un discorso breve durato meno di 15 minuti ma che ha toccato diversi temi quello di fine anno di Sergio Mattarella. "Quel che ho ascoltato esprime, soprattutto, l’esigenza di sentirsi e di riconoscersi come una comunità di vita - ha detto il presidente della Repubblica - Sentirsi 'comunità' significa condividere valori, prospettive, diritti e doveri". Poi Mattarella ha continuato. "Vuol dire anche essere rispettosi gli uni degli altri. Vuol dire essere consapevoli degli elementi che ci uniscono e nel battersi, come è giusto, per le proprie idee rifiutare l’astio, l’insulto, l’intolleranza, che creano ostilità e timore". Quindi sulla sicurezza. "La vera sicurezza si realizza, con efficacia, preservando e garantendo i valori positivi della convivenza".