Marò, Mogherini: Ne parleremo sicuramente con Obama

Roma, 26 mar. (LaPresse) - Della vicenda dei marò "parleremo sicuramente con Obama come lo abbiamo fatto con tutti quelli che abbiamo incontrato in queste settimane, e penso in particolare all'Onu, alla Nato e all'Unione europea". Così la ministra degli Esteri, Federica Mogherini, parlando alla trasmissione 'Otto e mezzo' su La7. Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, è atteso stasera a Roma. Parlando poi dei termini in cui verrà posta la questione, la titolare della Farnesina ha spiegato: "Il punto è in parte legato al tecnicismo giuridico, in parte all'affermazione di un principio, cioè che riconoscere la giurisdizione italiana significa riconoscere che i marò non erano in gita sulla nave ma che stavano svolgendo una funzione". "Non è una vicenda bilaterale fra Italia e India, ma internazionale visto il ruolo che i nostri militari svolgono nella lotta alla pirateria", ha proseguito Mogherini.ù

F35 - Mogherini ha poi parlato della questione dibattuta degli F35. "Non credo che Obama si riferisse all'Italia e agli F35 quando lamentava un calo negli investimenti militari di alcuni paesi. In Italia partiamo dalle esigenze, vediamo quali sono le minacce e agiremo di conseguenza. Interverremo non solo sugli F35 ma su tutta la spesa militare - ha aggiunto - un processo che vede coinvolto tutto il parlamento".

UCRAINA - E circa la situazione ucraina, la ministra ha spiegato: "Da parte di Putin violazione del diritto internazionale, ma la comunità europea ha risposto con una voce sola, confrontandosi in tutte le sedi internazionali e tutti hanno avuto stesso approccio al problema". "C'è da lavorare sul governo di Kiev - ha concluso - perché prenda coscienza della complessità del Paese".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata