Manovra, le prime misure approvate dal governo: la metà finanziate in deficit

Dopo l'approvazione della nota di aggiornamento al Def, inizia il lavoro sulla legge di Bilancia. Dal reddito di cittadinanza alla flat tax e pensioni: ecco i punti principali

Con l'approvazione della Nota di aggiornamento al Def e del quadro nazionale delle riforme inizia ufficialmente il lavoro vero e proprio sulla legge di Bilancio per il 2019 che il governo dovrà varare entro il 15 ottobre e portare in Parlamento entro il 20. Qui troveranno posto, con tanto di stanziamenti di spesa e di coperture, le varie misure indicate dai rappresentanti dell'Esecutivo: la cifra, facendo i primi conti, si aggira intorno ai 40 miliardi di euro.

Leggi anche: Cosa c'è nell'accordo

Deficit - Dopo una lunga e per certi versi drammatica discussione il governo ha fissato l'asticella del deficit/Pil al 2,4 per cento per tre anni, cioè dal 2019 al 2021. Verranno istituiti meccanismi di controllo della spesa che impediscano il superamento di questa soglia. IVA. Non ci saranno aumenti delle aliquote Iva con il disinnesco delle clausole di salvaguardia da 12,4 miliardi.

Reddito di cittadinanza - Dovrebbero essere stanziati 10 miliardi di euro, in parte finanziati con i 2,5 milioni di euro annui in dotazione al reddito di Inserimento varato dal governo Gentiloni. La misura, secondo le stime di Di Maio, riguarderà sei milioni e mezzo di persone. Due miliardi andranno alla riorganizzazione dei centri per l'impiego

Flat tax - Ci sarà la flat tax al 15% per le partite Iva - probabilmente fino a 65mila euro - che riguarderà dunque "oltre un milione di lavoratori", ha assicurato Salvini. Taglio dell'Ires per le aziende che reinvestono i profitti e assumono lavoratori aggiuntivi.

Pensioni - La riforma Fornero finirà in soffitta. In arrivo quota cento - usciranno 400mila lavoratori, spiega Salvini - e le pensioni di cittadinanza a 780 euro, con un costo che dovrebbe aggirarsi intorno ai 7-8 miliardi di euro.

Investimenti - Il premier Giuseppe Conte ha assicurato il piano di investimenti pubblici "più consistente mai realizzato e previsto in Italia". Si tratta di "38 miliardi spalmati in 15 anni, cui andiamo ad aggiungere altri 15 miliardi nel prossimo triennio". PA. Verranno sbloccati 13 miliardi per la Pubblica amministrazione. Nel prossimo mese inoltre verrà avviata la riforma dei contratti pubblici.

Fondo truffati banche - Verrà istituito un fondo con 1,5 miliardi di dotazione.

Pace fiscale - Confermata la 'chiusura delle cartelle di Equitalia' con la cosiddetta pace fiscale. Ancora da stabilire il tetto massimo: "500 mila ci può stare", ha detto il sottosegretario leghista all'Economia, Massimo Garavaglia. La misura dovrebbe essere inserita in un decreto fiscale in arrivo a ottobre. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata