Manovra, prevale la linea dura contro l'Ue

Non cambia la legge di bilancio: questa la risposta del governo ai rilievi dell'Ue sulla manovra. Nessuna variazione dei saldi né delle previsioni di crescita del Pil. Il governo gialloverde, dopo il consiglio dei ministri di ieri sera, conferma di voler seguire la propria strada, e di non cedere nell'interlocuzione con Bruxelles. "Nella lettera abbiamo scritto che aumentiamo le dismissioni degli immobili, ci impegniamo a mantenere il 2,4 %di deficit ma reddito e pensioni, quota 100, rimborsi a risparmiatori truffati non cambiano e vanno avanti" ha detto il vicepremier Di Maio. E ieri bocciato per la prima volta il governo giallo-verde in commissione Lavori Pubblici e Ambiente al Senato sul decreto Genova. Passato un emendamento che modifica le norme sul condono edilizio per Ischia su cui il governo aveva dato parere contrario. Voto a favore del pentastellato De Falco