Manovra, Di Maio: Stop a guerra tra poveri, simbolo evasione non è idraulico

Milano, 17 ott. (LaPresse) - "Per me va benissimo tutto nella lotta all'evasione. Una cosa non posso accettare, che lo Stato faccia il debole con i forti e il forte con i deboli". Lo dichiara il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in diretta Facebook dagli Usa commentando la manovra varata dal governo. "Non possiamo pensare che il simbolo dell'evasione sia, come si sta dicendo in questi giorni da parte di alcuni media, l'elettricista, l'idraulico o il tassista - spiega - Io non ci sto a scatenare la guerra tra poveri". Per il capo politico M5S "l'Italia è un Paese che ha decine di miliardi di euro di evasione perché ci sono stati soggetti che hanno portato anche milioni di euro fuori dai nostri confini e li hanno fatti rientrare con scudi fiscali al 5%. Se vogliamo ridurre l'evasione dobbiamo introdurre strumenti che blocchino la grande evasione".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata