Manovra, confermati tagli editoria, azzeramento fondi dal 2022

Il contributo diretto erogato a ciascuna impresa editrice viene ridotto nel 2019 del 20% della differenza tra l'importo spettante e 500 mila euro; nel 2020 del 50% della differenza tra l'importo spettante e 500 mila euro; nel 2021 del 75% della differenza tra l'importo spettante e 500 mila euro

Confermati nel maxiemendamento del governo alla manovra, bollinato dalla ragioneria generale, i tagli all'editoria. "Nelle more di una revisione organica della normativa di settore, che tenga conto anche delle nuove modalità di fruizione dell'informazione da parte dei cittadini, i contributi diretti alle imprese editrici di quotidiani e periodici sono progressivamente ridotti fino alla loro abolizione", si legge nel testo.

Il contributo diretto erogato a ciascuna impresa editrice viene ridotto nel 2019 del 20% della differenza tra l'importo spettante e 500 mila euro; nel 2020 del 50% della differenza tra l'importo spettante e 500 mila euro; nel 2021 del 75% della differenza tra l'importo spettante e 500 mila euro. "Al fine di perseguire obiettivi di valorizzazione e diffusione della cultura e del pluralismo dell'informazione, dell'innovazione tecnologica e digitale e della libertà di stampa, con uno o più decreti della presidenza del Consiglio dei ministri sono individuate le modalità per il sostegno e la valorizzazione di progetti, da parte di soggetti sia pubblici che privati, finalizzati a diffondere la cultura della libera informazione plurale, della comunicazione partecipata e dal basso, dell'innovazione digitale e sociale, dell'uso dei media, nonché progetti volti a sostenere il settore della distribuzione editoriale anche avviando processi di innovazione digitale, a valere sul fondo per il pluralismo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata