Il premier Giuseppe Conte
Manovra, ok dal vertice di governo: "Trovate le coperture, accordo sull'Ecotassa"

Raggiunta l'intesa nell'incontro notturno a Palazzo Chigi. Trovate coperture per altri 3/3,5 miliardi che dovrebbero soddisfare l'Unione europea. Solo auto di lusso e Suv pagheranno l'Ecotassa, bonus fino a 6.000 euro per chi acquista auto elettriche o ibride

Il Ministero dell'economia ha inviato questa mattina alla Commissione Ue uno schema della manovra contenente le modifiche al provvedimento oggetto della trattativa con Bruxelles. E quanto si apprende da fonti del Mef che specificano come in mattinata ci siano stati i contatti tra il ministro Tria, il commissario Pierre Moscovici e il vicepresidente della commissione Valdez Dombrovskis. Nel documento dovrebbe essere confermato il deficit al 2,04%.

Dunque, la "quadra" sembra essere trovata. Il Mef ha messo insieme le cifre che dovrebbero portare a un ulteriore taglio di 3/3,5 miliardi in modo da far scendere effettivamente il debito al 2,04% anche in presenza di una crescita inferiore all'1,5%

Il vertice di ieri sera - Il vertice di governo allargato (Conte, Di Maio, Salvini, Tria, Garavaglia e Castelli) trova a tarda sera le coperture che dovrebbero servire a soddisfare le richieste dell'Unione Europea e evitare la partenza della procedura d'infrazione. Dentro alla nuova manovra ci sarebbero anche l'Ecotassa (solo per le auto di lusso) e il taglio alle pensioni d'oro oltre ai soldi per chiudere le buche di Roma. Intorno alla mezzanotte, Conte, Salvini e Di Maio sono usciti sorridenti da Palazzo Chigi e fonti della presidenza del Consiglio hanno fatto sapere che l'intesa era stata raggiunta. Pare non senza tensioni e difficoltà tanto che, a un certo punto, erano circolate voci su minacce di dimissioni da parte del premier. Le sedute odierne della commissione Bilancio del Senato sono state sconvocate.

Il governo, dunque, avrebbe trovato la famosa "quadra" che permetterebbe ai tecnici di Tria di scrivere un maxiemendamento che dovrebbe arrivare domani (martedì) in aula al Senato e prendere, contemporaneamente, la strada di Bruxelles per ricevere il "via libera" di Juncker e della Commissione europea. Nella nuova manovra ci sarebbero ulteriori coperture per un totale di 3/3,5 miliardi sufficienti a portare il rapporto deficit/pil a un reale 2,04%. Nei giorni scorsi, infatti, Juncker, preso atto della volontà del governo italiano di scendere verso quella percentuale, aveva anche però sottolineato con decisione che il 2,04%, così, non sarebbe stato reale e che, per considerarlo effettivo ci volevano tagli ulteriori per circa tre miliardi. In sostanza, tra il governo italiano e la Ue sarebbe stato raggiunta un'intesa per cui l'Unione Europea avrebbe accettato un "nominale" 2,04% (sotto il quale Salvini e Di Maio non volevano assolutamente scendere) che, però, era costruito con un taglio complessivo dello 0,6%. Secondo la Ue, data la previsione troppo alta della crescita (+1,5% nel 2019), il dato di partenza reale era il 2,6% e non il 2,4%. Di qui la richiesta di un nuovo taglio per, appunto 3/3,5 miliardi. Su questo hanno lavorato i tecnici del Mef e sembra appunto che nelle pieghe del bilancio, questi soldi siano stati trovati. Come? Lo sapremo meglio oggi. Si sa che, ad esempio, un altro miliardo circa sia uscito dalla slittamento a marzo della partenza del reddito di cittadinanza. Non è chiaro quali siano state le sforbiciate a quota 100 la cui platea, potrebbe essere stata ulteriormente ristretta.

Commissione Ue - "Quello che posso dire è che il dialogo tra la Commissione europea e l'Italia sul bilancio 2019 continua. Nell'ambito di questo dialogo, il vicepresidente Dombrovskis e il commissario Moscovici sono in contatto con la controparte, il ministro Tria". Lo ha detto il portavoce della Commissione Ue, Margaritis Schinas. "Per quanto riguarda la riunione dei capi di gabinetto di oggi, non commentiamo mai le riunioni prima che avvengano", ha aggiunto. La Commissione "deciderà i prossimi passi sulla base dei risultati di questo dialogo. Il lavoro continua a tutti i livelli, come da accordi all'Eurogruppo del 3 dicembre",

Ma sul tavolo del vertice c'erano anche altri temi di forte frizione tra Lega e M5S. che sono stati affrontati (non senza tensioni) e, pare, risolti. Eccoli

Ecotassa -  Soltanto chi acquista un'auto di lusso o un Suv di grossa cilindrata  pagherà l'ecotassa. Per le auto a basso impatto ambientale (elettriche e ibride) ci sarà un bonus fino a 6.000 euro. Niente ecotassa, dunque, sulle utilitarie e le auto più piccole indipendentemente dal livello di inquinamento.

Bonus cultura - Passa una linea più restrittiva che sembra partire dal concetto che musica e film non sono cultura ma "divertimento". Il bonus cultura, a contributo invariato, sarà finanziato solo per acquistare eBook e libri, non per i concerti e i cinema. 

Pensioni d'oro - Il taglio alle pensioni d'oro resta nella finanziaria: dovrebbe riguardare le circa 40 mila pensioni sopra i 90mila euro lordi con contributi crescenti per le cifre superiori. Finanzierà l'opzione donne di quota 100.  Al vertice di governo a palazzo Chigi sulla manovra accordo anche sulla riduzione delle tariffe Inail per le imprese.

Buche di Roma - Trovati anche i soldi (chiesti a gran voce da M5S) per le buche di Roma e metro. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata