Maltempo, 530 milioni da contratto Bei-CdP. Conte: "Risorse concrete per chi ha subito danni". Allerta arancione in 11 regioni

530 milioni di euro le risorse del contratto tra Banca Europea per gli Investimenti e Cassa Depositi e Prestiti. Allagamenti in Liguria con torrenti esondati. Un morto in provincia di Pordenone 

"Risorse concrete per chi ha subìto danni da eventi calamitosi". Così il presidente del Consiglio Conte, alla cerimonia della firma del contratto tra Banca Europea per gli Investimenti e Cassa Depositi e Prestiti per lo stanziamento di 530 milioni per i danni del maltempo che ha colpito l'Italia.

Intanto è nuovamente allerta in Liguria per le forti piogge. A seguito di un allagamento il ponte San Ludovico lungo l'Aurelia nel territorio comunale di Grimaldi (Imperia) è provvisoriamente chiuso al traffico. Nove voli in arrivo all'aeroporto di Genova sono stati dirottati su altre città a causa dell'allerta rossa. Alcuni voli sono stati fatti atterrare a Torino e a Pisa. Tre, invece, i voli in partenza diretti a Roma e ad Amsterdam che sono stati cancellati. Oggi è ancora allerta arancione in Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Sardegna, Toscana e Umbria; gialla in Calabria, Piemonte e Veneto.

Un uomo è morto nella notte travolto dalla corrente di un fiume in provincia di Pordenone, tra Zoppola e Cordenons. Secondo quanto riportano le cronache locali, la strada era chiusa per l'allerta meteo ma l'automobilista, nonostante il divieto, avrebbe deciso di percorrerla.