Mafia, Quirinale: Ricostruzioni sono false, Napolitano non ricattabile

Roma, 30 ago. (LaPresse) - "La 'campagna di insinuazioni e sospetti' nei confronti del Presidente della Repubblica ha raggiunto un nuovo apice con il clamoroso tentativo di alcuni periodici e quotidiani di spacciare come veritiere alcune presunte ricostruzioni delle conversazioni intercettate tra il Capo dello Stato e il senatore Mancino. Alle tante manipolazioni si aggiungono, così, autentici falsi". Inizia così una nota del Quirinale in merito alle odierne indiscrezioni sui contenuti delle telefonate mai distrutte e tuttora agli atti dell'indagine sulla presunta trattativa Stato-Mafia avvenute tra Nicola Mancino e Giorgio Napolitano. "Il Presidente, che non ha nulla da nascondere ma valori di libertà e regole di garanzia da far valere, ha chiesto alla Corte costituzionale di pronunciarsi in termini di principio sul tema di possibili intercettazioni dirette o indirette di suoi colloqui telefonici, e ne attende serenamente la pronuncia" ricorda il Colle. "Quel che sta avvenendo, del resto, conferma l'assoluta obbiettività e correttezza della scelta compiuta dal Presidente della Repubblica di ricorrere alla Corte costituzionale a tutela non della sua persona ma delle prerogative proprie dell'istituzione" prosegue la nota. "Risibile perciò è la pretesa, da qualsiasi parte provenga, di poter 'ricattare' il Capo dello Stato. Resta ferma la determinazione del Presidente Napolitano di tener fede ai suoi doveri costituzionali. A chiunque abbia a cuore la difesa del corretto svolgimento della vita democratica spetta respingere ogni torbida manovra destabilizzante" conclude il Colle.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata