M5S, Rostellato si scusa per comportamento con Bindi e "vuoto" Bce

Roma, 18 mar. (LaPresse) - "Chiedo scusa a tutti coloro che si sono sentiti offesi dalla mia dichiarazione". È il girno delle scuse per Gessica Rostellato, Deputata alla Camera del Movimento 5 Stelle, che cerca di riparare la gaffe personale e mediatica che ha fatto tramite Facebook. "Io non intendevo essere maleducata - scrive la deputata 30enne - Purtroppo non riesco ad essere falsa e se una persona fa finta di avere piacere di conoscerti e ti fa sorrisi falsi, scusate ma non ce la faccio.... so che il mio ruolo mi chiederà di farlo, probabilmente mi dovrò abituare! Scusate ancora".

È stata la stessa Rostellato, sabato, a raccontare sempre tramite Facebook l'episodio di cui cui ora si scusa con i suoi "fan". "Ieri sera un gruppo di noi - ha scritto la deputata 30enne - si stava dirigendo verso l'uscita dell'aula, ci ferma la Bindi e ci dice: 'Ma presentiamoci, così cominciamo a conoscerci!!!'. Io ho tirato dritto e me ne sono andata... ma ti pare che ti do la mano e ti dico pure "piacere"??? No guarda, forse non hai capito: NON E' UN PIACERE!!!". Al post sono seguiti oltre 7500 commenti, in gran parte di critiche, e alla nascita di una pagina di Facebook che ne chiede le dimissioni.

Ma non sono le uniche scuse che Rostellato ha pubblicato oggi sul social network. Ieri sera è andato in onda su Italia 1 un servizio delle Iene in cui i parlamentari venivano "interrogati" a bruciapelo: la grillina padovana non ha saputo rispondere sul significato del'acronimo Bce e sul ruolo del presidente Mario Draghi. "Per quanto riguarda le Iene - ha scritto la Rostellato - in realtà prima mi avevano fatto anche altre domande di storia e politica estera a cui avevo risposto, ovviamente a loro fa comodo mandare solo la parte del video che ti fa fare la figura che vogliono loro... ne terrò conto per la prossima volta! Per quanto riguarda la Bce, in quel momento mi sfuggiva il significato della sigla (penso possa capitare a chiunque...) infatti poi mi sono chiesta tutto il giorno come ho fatto a non riuscire a rispondere subito. Ero di fretta, in ritardo per una riunione e avevo la testa da tutt'altra parte e in quel momento ho avuto un vuoto totale... Mi scuso con tutti quelli che non si sono sentiti rappresentati".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata