M5S, Pizzarotti: Passo indietro di Grillo già nei fatti. La replica: Sono vivo più che mai

Parma, 7 dic. (LaPresse) - "Mi sembra che la direzione di questi giorni sia già questa. Non dovete chiederlo a me, è già nei fatti perchè l'indicazione di queste cinque persone è indice del fatto che bisogna incominciare ad andare avanti con le nostre forze, con le nostre gambe e, io spero, con le idee di tutti". Lo ha detto il sindaco di Parma in quota Movimento 5 Stelle, Federico Pizzarotti, che oggi ha organizzato una giornata aperta di confronto tra esponenti del movimento, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano se fosse necessario un passo indietro di Beppe Grillo. La replica del comico genovese non si è fatta attendere. "Ebbene sì! Sono vivo - ha scritto Grillo in un post sul suo blog - e più vivo che mai, cari amici. Nonostante questo tentativo di seppellimento mio, di Casaleggio, del MoVimento 5 Stelle. Qui c'è un ribaltamento della realtà: i morti vogliono seppellire i vivi. I morti come Marino, come Renzie, vogliono seppellire i movimenti della società civile. Non ce la faranno mai. Io non ho fatto un passo indietro, io ho fatto un passo avanti!". "Il MoVimento 5 Stelle - scrive - è andato avanti! E' un movimento complicato, con migliaia di consiglieri comunali e regionali, centinaia di parlamentari, decine di europarlamentari. Non potevo avercelo sulle spalle solo io o Casaleggio, stiamo distribuendo competenze e responsabilità. Ora ce ne sono altri cinque, poi saranno dieci, venti, trenta, quaranta... E' l'inizio di una nuova fase straordinaria per il M5S". "Invece loro - si legge nel post - cercano di ribaltare la realtà attraverso questi media ormai esangui, che si buttano sulla triste storia di un bambino morto e notizie veramente vergognose, e ci fanno apparire come chissà cosa. Noi ci siamo e siamo ancora più determinati. Noi adesso il 13 dicembre il giorno di Santa Lucia, la santa della luce, perché noi proveniamo e andiamo verso la luce, faremo i banchetti per il referendum per uscire dall'euro e io sarò in prima fila al gazebo di Genova. Tenete presente che la situazione ormai è drammatica: ci aspetta o il default e la catastrofe economica o uscire dall'euro, non ci sono altre alternative".

"Ora i maligni - scrive Grillo - iniziano a dire che c'eravamo anche noi nel magna magna di Roma. Come si fa? Han preso un picchiatore che 3 anni fa ha scritto su Facebook che lui aveva l'intenzione di aprire un meetup dei 5 Stelle e invece non è mai stato iscritto al M5S. Ci si buttano a pesce i giornali! Noi siamo i peggiori. E' questo che vogliono dire? Perché se noi fossimo dentro il magna magna romano saremmo veramente i peggiori perché siamo quelli che si pongono come i portatori sani di onestà e invece... E allora sì, siamo i peggiori! Ci siamo finti onesti, abbiamo vinto le elezioni politiche, ci siamo tenuti i soldi, abbiamo fatto finta con gli scontrini e le ricevute, non è vero niente. Siamo i peggiori. Io sono il peggio del peggio. E allora quando andate a votare non accontetatevi del meno peggio, ma votate il peggiore in assoluto! E io sono il peggiore in assoluto. E' questa la realtà". "Comunque - continua - non ce la faranno. Né a seppellire me né a seppellire il MoVimento. Andremo avanti come una spada, e avete già visto gli effetti. Questi se ne devono andare. Due anni fa io dissi del politometro. Se avessimo fatto due anni fa il 'politometro' sarebbe venuto fuori tutto, bastava un commercialista. Noi siamo nel giusto, Benedetto Croce diceva che fare la rivoluzione è mettere delle persone oneste al posto giusto. E' molto semplice. Come si fa a non votare il M5S? Noi stiamo proponendo adesso in Senato il reddito di cittadinanza e su questo dovranno cedere, ce l'ha tutta Europa (tranne la Grecia e l'Ungheria)".

"Portiamo avanti - chiosa Grillo - il referendum sull'uscita dall'euro: è l'unica nostra ultima spiaggia, ve lo dico proprio col cuore. Il 13 dicembre andate ai banchetti, firmate e sarà una roba straordinaria. Porteremo milioni di firme in Parlamento e vedremo da che parte stanno quelli che si son fatti la campagna sull'uscire dall'euro. State attenti, perché io ho avuto tentativi di crocifissione, ma io non mi faccio crocifiggere assolutamente da questi mediocri qua. Ma anzi reagiremo e la nostra reazione sarà straordinaria. Vi abbraccio. Arrivederci a tutti!".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata