M5S, la rete ha deciso: Espulsi i quattro dissidenti

Roma, 26 feb. (LaPresse) - Lorenzo Battista, Fabrizio Bocchino, Francesco Campanella e Luis Alberto Orellana devono essere espulsi dal Movimento 5 Stelle. Lo hanno deciso 29.883 simpatizzanti del M5S, che hanno votato sul blog di Beppe Grillo a favore della cacciata dei quattro dissidenti. Contrari all'espulsione sono stati 13.485 persone. Al termine della consultazione online, è stato lostesso leader del Movimento a dare l'annuncio, dopo che l'assemblea del parlamentari pentastellati aveva deciso già in nottata di espellere i dissidenti.

Intanto la bufera all'interno del Movimento non pare quietarsi. Lo stesso Orellana ha annunciato le proprie dimissioni poco prima del voto online e Maurizio Romani, senatore pentastellato, ha fatto lo stesso perché, ha spiegato su Facebook, "non mi sento più in coscienza di seguire certe scelte che considero sbagliate e soprattutto inefficaci".

IN 12 ABBANDONANO ASSEMBLEA. La giornata all'interno del Movimento è stata caratterizzata da tensioni, toni accesi e qualche pianto. Circa 12 senatori hanno abbandonato la riunione a causa di un diverbio con il capogruppo, Maurizio Santangelo a cui Lorenzo Battista avrebbe chiesto di contattare Beppe Grillo e annullare la procedura messa in moto per l'espulsione dei quattro dissidenti. Santangelo, sprezzante, avrebbe risposto: "Te ne puoi pure andare". Così Battista, con al seguito una decina di colleghi, ha lasciato l'assemblea confermando che "ce ne saranno ancora di più", come per dire che i pentastellati sono pronti a formare un gruppo autonomo in Senato.

IL PIANTO DI BENCINI. Insultata più volte nelle fasi più concitate dell'assemblea e costretta a lasciare in lacrime l'assemblea del Movimento 5 Stelle. La senatrice Alessandra Bencini, secondo quanto raccontano alcuni partecipanti alla riunione, avrebbe lasciato la riunione dei pentastellati visibilmente scossa. La parlamentare è tra i senatori pronti a dimettersi in solidarietà con i quattro colleghi dissidenti espulsi dal Movimento.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata