M5S e Lega, ancora tensioni sulla premiership
"Se non vuole Forza Italia lo saluto" è l'aut aut di Matteo Salvini a Luigi Di Maio. Tra M5S e Lega crescono le tensioni in vista della formazione del nuovo governo. A complicare le trattative per l'alleanza è anche il nodo della premiership. "Oltre il 32 per cento ha votato Cinque Stelle e il sottoscritto come premier", chiarisce Di Maio dopo che ieri il segretario della Lega aveva avvertito: "Se Di Maio dice o me o nessuno, al momento è nessuno". Immediata la replica di Di Maio che ha risposto:"Non mi impunto per motivi personali, è una questione di credibilità della democrazia". Attesi per oggi i primi incontri tra i partiti e i 5 stelle per il governo.