M5S attacca Boldrini. Di Maio: 'Ci detesta'. E lancia l'hashtag per sfiduciarla

Roma, 21 apr. (LaPresse) - "Che ci detesti è evidente. Che non ci provi neanche ad essere super-partes, è assodato. Ci tocca tenercela". Lo scrive sul blog di Beppe Grillo Luigi Di Maio (M5S), vicepresidente della Camera dei deputati, contro la presidente di Montecitorio, Laura Boldrini, colpevole, secondo quanto scrive Di Maio, di aver "attaccato un'altra volta il movimento 5 Stelle, utilizzando il resoconto ufficiale della Camera che fa ogni settimana per spararci addosso sul 416-ter". "È inutile parlare ancora di una Presidente della Camera che non è imparziale. Ormai - aggiunge il deputato - è un concetto assodato". E lancia l'hashtag "sfiduciamolaboldrini".

"Se ci fosse la possibilità di sfiduciarla - attacca Di Maio - l'avremmo già fatto. Peccato che non esiste mozione di sfiducia per presidenti e vice-presidenti della Camera. (Peccato per noi. Meno male per lei e per Fini)". "Magari potrebbe inserirla nella sua tanto decantata riforma del regolamento della Camera. Potrebbe essere l'unica innovazione democratica. Ci sta Presidente?", conclude il vicepresidente della Camera.

Da Sel arriva la reazione della vicepresidente dei deputati in quota Sinistra e Libertà, Titti Di Salvo. "La Presidente della Camera - dice la parlamentare - è il bersaglio preferito del Movimento 5 Stelle anche a Pasquetta! Perché le ossessioni non danno tregua, e di ossessione si tratta quando ogni gesto della Presidente della Camera viene passato ai raggi X e valutato con la lente grillina". Mentre parla di "stalking a fini elettorali" Gennaro Migliore, presidente dei deputati di Sinistra Ecologia Libertà.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata