M5S all'attacco: Non vogliamo cambiare Italicum, subito al voto
Di Maio e Di Battista spingono sull'acceleratore

Niente modifiche all'Italicum e subito al voto. Questa la posizione del Movimento 5 Stelle dopo la sconfitta di Renzi al referendum. "Vedremo cosa deciderà deciderà Mattarella, per noi bisogna tornare il prima possibile al voto con la legge elettorale che c'è, con una piccola modifica per il Senato", afferma il deputato M5S Luigi Di Maio commentando a Montecitorio lo scenario attuale. "Guardate in che pasticcio ci troviamo con l'Italicum, tutto perché dovevano farsi una assicurazione in caso di vittoria del No", dice il pentastellato secondo cui "siamo negli stessi tempi di quando Berlusconi ritirò la fiducia al governo Monti, è lo stesso scenario". Sulle prossime mosse del movimento e sulle tempistiche della squadra di governo pentastellata Di Maio non si sbottona: "Vediamo che succede, è il presidente della Repubblica che detta i tempi. Noi possiamo solo avanzare la nostra proposta".

"La legge elettorale c'è. Noi non vogliamo fare la legge elettorale con nessuno. Andiamo al voto così. Siamo già andati al voto con due leggi elettorali diverse alla Camera e al Senato. La governabilità non dipende dalla legge elettorale ma dagli uomini", gli fa eco Alessandro Di Battista.

"Questa gente guardate cosa hanno combinato. Due anni sulle riforme costituzionali, bocciate. L'Italicum probabilmente glielo boccia la Consulta. Dovrebbero sparire dalla faccia della politica. Hanno bloccato due anni il Parlamento e il popolo italiano li ha mandati affanculo con una percentuale incredibile. Ma che deve fare ancora 'sta gente?", aggiunge Di Battista.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata