Libia e Iran, Di Maio: "Rischi per Italia"

Teheran agli Usa: "Se non si fermano nuovo Vietnam"

Luigi Di Maio teme ritorsioni per l'Italia dalle crisi in Libia e Iran. Chi usa la violenza espone anche il nostro paese a pericoli, scrive su Facebook il ministro degli Esteri. Mercoledì il titolare della Farnesina sarà al Cairo a una riunione con i colleghi di Francia, Grecia, Egitto e Cipro per discutere dell'escalation della guerra. E a Teheran una folla sterminata ha prtecipato ai funerali del generale Soleimani, ucciso in un raid americano. La salma accolta dalla Guida suprema Khamenei. Il regime degli Ayatollah avverte Trump: "Se non si ferma, rischia un nuovo Vietman". E per limitare eventuali azioni militari contro l'Iran da parte di Trump, la Camera degli Stati Uniti controllata dai Dem, voterà questa settimana una risoluzione sui suoi poteri di dichiarare guerra.