Legge stabilità, alla Camera alle 18.30. Padoan: Ddl equilibrato, conti pubblici miglioreranno

Roma, 21 dic. (LaPresse) - La Camera punta ad approvare in via definitiva il disegno di legge di stabilità nella serata di martedì, intorno alle 18. È quanto emerge dal calendario di massima ipotizzato dalla conferenza dei capigruppo di Montecitorio. La commissione Bilancio della Camera ha iniziato l'esame stamattina alle 10.

Alle 12.30 è fissato il termine per la presentazione degli emendamenti, che verranno votati a partire dalle 16. In aula, secondo quanto emerso dalla conferenza dei capigruppo, il ddl Stabilità potrebbe arrivare già stasera intorno alle 18.30 per la discussione generale. Lunedì alle 11 inizieranno le votazioni, con l'ipotesi di concludere l'esame martedì intorno alle 18. Questo calendario, ha sottolineato la presidente Laura Boldrini nel corso della riunione a Montecitorio, verrà sottoposto a verifica strada facendo, con la possibilità di convocare una nuova conferenza dei capigruppo.

PADOAN: CONTI PUBBLICI MIGLIORERANNO. "Il ddl di stabilità che ha ricevuto il via libera dal Senato e ora si avvia ad affrontare le ultime fasi dell'iter di approvazione alla Camera è un risultato importante per il governo e per il Parlamento che, congiuntamente, si sono impegnati per definire un provvedimento equilibrato e con importanti misure volte a stimolare la crescita economica e la creazione di posti di lavoro". Così il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan commenta il via libera del Senato alla legge di Stabilità.

"Nel 2015 i conti pubblici miglioreranno e questo consentirà di dimostrare ai partner europei e ai mercati che l'Italia è un Paese affidabile. Allo stesso tempo - aggiunge il ministro dell'Economia - con questa legge di stabilità, abbiamo messo in campo un significativo abbattimento delle tasse che ha pochi precedenti nella storia del Paese, il sostegno allo sviluppo, le risorse per il mercato del lavoro, il finanziamento degli ammortizzatori sociali e degli interventi per l'innovazione".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata