Legge elettorale, intesa Fi-M5S-Mdp su Italicum corretto
Attesa la presentazione di un testo base

"Oggi pomeriggio incontrerò il Pd, l'obiettivo rimane quello di presentare domani il testo base". Lo ha detto il presidente della commissione Affari costituzionali della Camera Andrea Mazziotti al termine dei lavori sulla legge elettorale. FI nella riunione di oggi, ha spiegato il relatore, si è detta "contraria a qualsiasi sistema maggioritario uninominale e disponibile ad estendere l'Italicum corretto al Senato. Su questo - ha aggiunto Mazziotti - c'è l'ok  del M5S, ed Ap Mdp e Civici e innovatori non hanno manifestato contrarietà. Sinistra italiana ha detto no a qualsiasi tipo di premio".

I berlusconiani sarebbero disponibili a discutere su un testo base che parta dalle indicazioni della Consulta sulla legge elettorale valida per la Camera da estendere al Senato. Dopo quello di Forza Italia è arrivato in commissione Affari Costituzionali anche il 'Sì' di Mdp all'estensione dell'Italicum così come cambiato dalla Consulta per la Camera al Senato. Lo ha ribadito Alfredo D'Attorre intervenendo in commissione ponendo come unica condizione l'eliminazione dei capilista bloccati.

"Noi - ha sottolineato  Danilo Toninelli, M5S - abbiamo proposto un sistema che sia una sintesi tra il Legalicum e il Fragomelli" ma c'è da parte del Movimento 5 Stelle "la totale apertura, su basi molto ampie" al dialogo con tutte le forze in commissione per votare il testo base sulla legge elettorale. 

Messaggi di apertura arrivano da Emanuele Fiano, Pd: "So che M5S, FI e Mdp si sono detti favorevoli non meglio chiarita armonizzazione dell'Italicum corretto al Senato.  Noi incontreremo il presidente e ci auguriamo ci siano le condizioni affinché domani ci sia un testo base".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata