Legge elettorale, Cuperlo media con Mdp e chiede accantonamento su voto disgiunto. Fiano accetta
Il relatore del Rosatellum ribadisce però l'opinione contraria al voto disgiunto

In commissione Affari costituzionali alla Camera è all'esame del Rosatellum. Sono 321 gli emendamenti presentati al testo.

Secondo quanto si apprende Gianni Cuperlo, deputato della minoranza Pd, ha chiesto al relatore della legge elettorale Emanuele Fiano di accantonare gli emendamenti che riguardano il voto disgiunto, nel tentativo di trovare una mediazione con i deputati di Mdp (che hanno presentato proposte di modifica in questo senso, come fatto da M5S e Sinistra italiana) e per poterne discutere nell'assemblea del gruppo dem che si riunirà domani sera.

Fiano ha risposto: "È stata fatta una richiesta dal collega Gianni Cuperlo di accantonare il tema del voto disgiunto. Il nostro modo di lavorare è quello di accogliere sempre una richiesta di approfondimento  ma la mia opinione è contraria al voto disgiunto. Giusto, doveroso l'approfondimento, ma ferma la nostra posizione sull'argomento". 
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata