Legale Maradona risponde a Letta: Gesto ombrello era ironico

Roma, 21 ott. (LaPresse) - "Dopo Fassina, anche il premier Letta e altri noti moralisti entrano a gamba tesa contro Maradona. Se Fassina parla senza conoscere la vicenda e per scopi meramente politici in quanto dalle sue 'minacce' e offese gratuite risulta chiaro che non ha capito dove sta il problema e quanto male ha subito Maradona, poi dalle parole del premier Letta è ancor più lampante che lo stesso, oltre a non aver esaminato gli atti prima di giudicare il Pibe de oro condannandolo senza neanche ascoltarlo, o non ha visto la tv o non ha capito l'intervento satirico e auto difensivo di Maradona rivolto a se stesso, a 'Che tempo che fa' ripetendo pretestuosi moralismi e prediche ingiuste, senza mai alcun ricordo di tante vittime e tartassati del sistema equitalia". Lo ha dichiarato in una nota Angelo Pisani, legale di Diego Armando Maradona, in risposta alle critiche piovute sull'ex calciatore del Napoli dopo il sui 'gesto dell'ombrello' durante la trasmissione di Fabio Fazio su Rai3. "Se avesse visto la trasmissione - ha aggiunto Pisani - Letta avrebbe dovuto chiamare Maradona e confrontarsi con lui accettando di capire la verità, perché o il campione è pazzo oppure per motivi di stato si vuole difendere una scandalosa persecuzione". "In realtà Maradona ha rivolto solo alla fortuna di essere sfuggito ad un altro agguato di Equitalia il noto gesto satirico dell ombrello - ha spiegato Pisani - senza voler offendere nessuno, ne tanto meno ha incitato gli altri a non pagare le tasse che sono il carburante del nostro sistema quando non si trasformano in incubo e persecuzione o nei più noti sprechi".

L'avvocato Pisani ha poi ribadito: "In verità io non credo che Letta abbia visto Maradona ieri sera, prima di tutto perché non poteva non piacerli per i grandi valori che ha sottolineato e poi perché Maradona non ha offeso nessuno e non ha mai pensato o detto di non pagare le tasse. E' ovvio che la gente che paga le tasse va rispettata, in primis proprio dallo stato anche se lo si vuole usare come capo espiatorio Maradona non è, ne può farsi passare, per la causa dei problemi e fallimenti italiani". Se c'è una cosa che dobbiamo fare ha detto Pisani rivolto al premier letta, "è assicurare il rispetto dei principi costituzionali di difesa e libertà spesso negati. Maradona contrariamente alle false e strumentali accuse del premier, suggerito male o prevenuto sulle dichiarazioni del Pibe oro, osserva scrupolosamente le norme e i valori della società , pagando sempre le tasse e non elogiando mai gli evasori, ma solo chi osserva le regole e non vende la dignità".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata