Lega-Pdl siglano accordo ma c'è disaccordo su ipotesi premier

Roma, 7 gen. (LaPresse) - L'intesa fra Lega e Pdl è stata raggiunta, ma ora emerge il disaccordo per il possibile candidato premier. Mentre Roberto Maroni si permette "di indicare Giulio Tremonti" come il candidato ideale, Silvio Berlusconi rilancia il nome di Angelino Alfano. "Mi sono permesso di fare il nome di Tremonti, ma è una mia indicazione per stima e amicizia personale - ha detto il segretario della Lega nel corso di una conferenza stampa a Milano -. La lista Tremonti si è detta disponibile a sostenere la mia candidatura in Lombardia. Ma sono nomi messi lì, è ancora da decidere. Comunque quando ci sarà la contesa elettorale vedremo".

In serata però Silvio Berlusconi, ospite di 'Iceberg' su Telelombardia, ribatte: "Come presidente del Consiglio a Tremonti manca la capacità di mettere insieme un gruppo. Però è una persona molto intelligente, come ministro non c'è nessuno meglio di lui tranne il sottoscritto", specificando poi di preferire come candidato premier Angelino Alfano.

Tremonti intanto a 'Piazza Pulita' su La7 dichiara: "Tra Lega e Pdl è stato fatto un accordo in base al quale chi prenderà più voti indicherà il candidato premier", senza sbilanciarsi oltre. Su Twitter ha inoltre scritto: "Ringrazio Maroni - Lega Nord per la candidatura a premier: fra me e Alfano prevarrà chi prenderà più voti".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata