Lavoro, l'addio di Tocci (Pd): Seguo mia coscienza, voto e do dimissioni

Roma, 8 ott. (LaPresse) - "Sarebbe meglio per tutti se la prossima primavera si tornasse a votare per formare un governo con un chiaro e determinato mandato elettorale. Ma, ripeto, questo non posso e non voglio deciderlo io. Saranno le massime autorità istituzionali a definire i tempi della legislatura. A me rimane il problema di conciliare due principi opposti: la coerenza con le mie idee e la responsabilità verso il mio partito e il governo". Lo ha scritto il senatore Walter Tocci spiegando le ragioni delle sue prossime dimissioni.

"Ho trovato solo una via d'uscita dal dilemma: voterò la fiducia al governo, ma subito dopo prenderò atto dell'impossibilità di seguire le mie idee e mi dimetterò da Senatore della Repubblica", ha scritto sul suo blog.

"È una decisione - spiega ancora Tocci - presa di fronte alla mia coscienza, senza alcun disegno politico per il futuro. Però continuerò come militante in tutte le forme possibili il mio impegno politico. È stato e sarà ancora la passione della mia vita". Nel blog Tocci poi spiega nel merito perchè il disegno di legge delega sul lavoro presentato dal governo non lo convinca.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata