Lavoro, Damiano: Dati drammatici, abnorme rendere più facile licenziare

Roma, 7 gen. (LaPresse) - "I dati Istat sull'occupazione sono drammatici: si tratta dei peggiori dal 1977, un record assolutamente negativo". Lo dichiara Cesare Damiano (Pd), presidente della commissione Lavoro dalla Camera. "Il tasso di occupazione - spiega Damiano - è attestato al 55,5% e, se venisse disaggregato, evidenzierebbe una situazione ormai al limite per quanto riguarda il lavoro delle donne e dei giovani. La cassa integrazione, anche per il 2014, ha superato il miliardo di ore". "In questa situazione - continua - diventa ancora più abnorme voler rendere più facili i licenziamenti, come vorrebbe la destra".

"Per questo - conclude Damiano - ci batteremo per cambiare ulteriormente i decreti sul Jobs act e cancellare la norma sui licenziamenti collettivi: non solo ci troviamo di fronte a un 'eccesso di delega' e a un limite di costituzionalità della norma stessa, ma si crea un ulteriore stato di ansia e di incertezza nei lavoratori già duramente colpiti dalla crescente disoccupazione e da ristrutturazioni e chiusure di aziende che continueranno nel 2015".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata