Lavoro, Cei: Includere deboli, sussidi non sono risposta degna

Roma, 16 apr. (LaPresse) - "Un compito irrinunciabile e sempre più delicato sarà quello di inclusione degli scartati e dei più deboli. Sapendo che la soluzione non potrà essere quella di una mera erogazione monetaria poiché la dignità della persona passa attraverso la sua capacità di essere utile e di contribuire al progresso sociale e civile. Le forme d'intervento e di aiuto per gli esclusi non potranno non avere come stella polare quella di un approccio generativo che mira ad offrire opportunità d'inclusione e di partecipazione alla vita sociale e produttiva". E' quanto si legge nel messaggio dei vescovi 'Il capitale umano al servizio del lavoro' in vista della festa del Primo Maggio.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata