Juncker: "All'Italia serve più lavoro e meno corruzione"
Polemiche e richieste di smentite per la frase attribuita dal Guardian al presidente della Commissione Europea

"Gli italiani hanno bisogno di lavorare di più ed essere meno corrotti". Il professor Giuseppe Conte non ha ancora ricevuto l'incarico di formare il nuovo governo, quando esplode una durissima polemica per una frase offensiva per l'Italia che arriva addirittura da Jean -Claude Juncker, presidente della Commissione Europea. Gliela attribuisce il Guardian. Juncker lo avrebbe detto da Bruxelles: "Gli italiani devono prendersi cura delle regioni più povere dell'Italia. Ciò significa più lavoro, meno corruzione, serietà. Li aiuteremo come abbiamo sempre fatto, ma no al gioco di scaricare le responsabilità sull'Europa".

Antonio Tajani - Subito piovono risentite richieste di smentita. "Chiedo al Presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker di smentire immediatamente le frasi che gli vengono attribuite, perché se fossero vere sarebbero inaccettabili". Lo scrive su twitter il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani.

Matteo Salvini - "Italiani corrotti e fannulloni? Parole vergognose e razziste, col prossimo governo vedremo di fare rispettare i diritti e la dignità di 60 milioni di italiani che dall'Europa si aspettano collaborazione e non insulti". Così il commento decisamente risentito di Matteo Salvini.

Carlo Calenda - "Frammenti di un Occidente impazzito. Trump va allo scontro commerciale con alleati e Juncker pronuncia frasi indegne su italiani che se confermate meriterebbero dimissioni istantanee. In Italia governo sovranista con tecnici anti Ue ma agli Esteri braccio destro di Monti. Teniamoci forte". Lo scrive su twitter l'esponente del Pd, Carlo Calenda.

M5S Ue - Le affermazioni sugli italiani attribuite al Presidente della Commissione europea" Juncker "sono vergognose e offensive. Ci auguriamo vivamente che queste ricostruzioni siano prive di fondamento. Restiamo in attesa di una smentita immediata di Juncker". Così la delegazione del MoVimento 5 Stelle al Parlamento europeo.

Raffaele Fitto - "Fermiamo Juncker, facciamolo tacere! Sono le sue parole, quelle di stasera particolarmente gravi ed offensive nei confronti degli italiani, che alimentano il clima antieuropeo e fanno aumentare i consensi dei populisti che chiedono di uscire dalla UE". Così su Twitter Raffaele Fitto presidente di Noi con l'Italia.

Giacomo Portas -"Dichiarazioni folli da parte di Juncker. Evidentemente ha parlato dopo cena, ma allora bisogna togliergli il vino". Lo afferma il leader dei Moderati Giacomo Portas, eletto alla Camera nel Pd

 

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata