Jobs act, Quagliariello (Ncd): Passo avanti, ma battaglia non è chiusa

Roma, 26 dic. (LaPresse) - "Il decreto delegato sul Jobs act rappresenta un indiscutibile passo avanti, come del resto attestano le reazioni di netta ostilità da parte di Landini e della Cgil". Lo dichiara Gaetano Quagliariello, coordinatore nazionale del Nuovo Centrodestra. "Il problema - prosegue - è che questo passo avanti, che non disconosciamo, non è all'altezza di ciò di cui il Paese avrebbe bisogno di fronte alla crisi che stiamo vivendo, perché ancora non concede all'imprenditore la libertà psicologica di assumere un dipendente sapendo che questo atto non si trasformerà in un vincolo indissolubile anche contro ragione".

"L'introduzione dell'opting out - conclude Quagliariello - avrebbe risolto questo problema e fortemente incentivato la propensione ad assumere che è naturale per chi fa impresa. Per questa ragione il giudizio di Ncd resta costruttivamente critico e per questo, nonostante il passo avanti che rivendichiamo come frutto della nostra perseveranza, la nostra battaglia non è chiusa".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata