Ius soli, tensioni tra estrema destra e polizia davanti Senato
E il M5S annuncia: "In Aula ci asterremo sulla legge"

I militanti di estrema destra di CasaPound e Forza Nuova stanno manifestando davanti al Senato in dissenso verso lo Ius soli, la legge che oggi arriva a Palazzo Madama. Ci sono stati momenti di tensione e la questura di Roma rende noto che circa "200 militanti hanno tentato di forzare lo sbarramento delle forze dell'ordine per raggiungere la sede del Senato. I manifestanti attualmente sono stati fatti attestare ai margini di Piazza delle Cinque Lune ed è stata notificata loro l'intimazione a desistere da comportamenti violenti, con l'avvertimento che al reiterarsi di simili episodi la manifestazione sarà sciolta".

In disaccordo sul tema dello Ius soli anche il Movimento 5 Stelle, che si prepara alla campagna per le politiche - e prima ai ballottaggi -, tornando alla linea dura su giustizia, migranti ed Europa. I pentastellati hanno annunciato infatti che si asterranno in Senato, abbassando di fatto il quorum necessario per far approvare la legge sul diritto di cittadinanza per i nati da genitori stranieri.

"Abbiamo indicato più volte che la gestione del fenomeno migratorio è questione europea, abbiamo preteso che tutti gli stati facessero la loro parte per l'accoglienza, ma siamo ancora al punto di partenza. In questo quadro desolante il Pd pretende di portare in aula al Senato un disegno di legge contrabbandato per 'Ius Soli', cioè il riconoscimento del "diritto di cittadinanza in base al luogo di nascita". Quello che ci propinano è un pastrocchio all'italiana che vuol dare un contentino politico a chi ancora si nutre di ideologie.
Concedere la cittadinanza italiana significa concedere la cittadinanza europea, quindi un tema così delicato deve essere preceduto da una discussione ed una concertazione con gli stati dell'Unione Europea, per avere regole uniformi. Per questi motivi il MoVimento 5 Stelle, coerentemente con quanto già fatto alla Camera, sul tema dello Ius Soli esprimerà voto di astensione", si legge sul blog di Grillo.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata