Istat: Inflazione a agosto sale al 2,8%, massimo da ottobre 2008

Roma, 15 set. (LaPresse) - Sale l'inflazione. L'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie ad agosto è salito del 2,8% rispetto allo stesso mese del 2010 (a luglio aveva registrato un +2,5% annuo) e dello 0,3% rispetto al mese di luglio 2011. Lo rileva l'Istat, sottolineando che si tratta dell'aumento più alto su base annua registrato da ottobre 2008 e che l'inflazione acquisita per il 2011 è pari al 2,6%.

Il dato è definitivo, aggiunge l'Istat, e conferma la stima provvisoria. L'inflazione di fondo, calcolata al netto di beni energetici e alimentari freschi, sale al 2,2% con una accelerazione di un decimo di punto percentuale rispetto a luglio (+2,1%). Al netto dei soli beni energetici, il tasso di crescita tendenziale dell'indice dei prezzi al consumo si stabilizza al 2,1%. La crescita tendenziale dei prezzi dei beni sale al 2,9% dal 2,8% del mese precedente, mentre quella dei prezzi dei servizi scende al 2,5% (era +2,7% a luglio). Come conseguenza di tali andamenti, il differenziale inflazionistico tra beni e servizi aumenta di tre decimi di punto rispetto al mese di luglio.

Ad agosto, il principale effetto di sostegno alla dinamica dell'indice generale deriva dall'aumento congiunturale dello 0,9% dei prezzi dei beni energetici non regolamentati, che determina un'ulteriore accelerazione del loro tasso tendenziale di crescita (15,5%, dal 13,6% di luglio). Un impatto significativo deriva anche dal rialzo congiunturale dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (+2,5%). Per contro, il principale effetto di contenimento, si deve alla diminuzione congiunturale dei prezzi dei beni alimentari non lavorati (-0,6%). I prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza aumentano dello 0,1% su base mensile e del 3,6% su base annua (era +3,4% a luglio). Un rialzo congiunturale dello 0,5% si rileva per i prezzi a media frequenza di acquisto, che crescono del 2,8% rispetto ad agosto 2010. L'indice armonizzato dei prezzi al consumo (Ipca) aumenta dello 0,4% su base mensile e del 2,3% su base annua (la stima provvisoria era +2,2%), con un'accelerazione di due decimi di punto percentuale rispetto a luglio 2011 (+2,1%).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata