Inchiesta petrolio, De Vincenti sentito dai pm
Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio non ha preso parte al Consiglio dei ministri

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, è stato sentito questo pomeriggio dai pm lucani in merito all'inchiesta di Potenza. A riferirlo è stato il premier Matteo Renzi al termine del Consiglio dei ministri di oggi al quale De Vincenti non ha preso parte. "Il sottosegretario -  ha detto il presidente del Consiglio - ha ricevuto una comunicazione dalla polizia per essere sentito come persona informata sui fatti in merito alla inchiesta di Potenza. Noi crediamo nel rispetto tra poteri dello Stato e abbiamo scelto di dare un segnale di serietà e leale collaborazione, invitando il sottosegretario a non partecipare al Cdm e andare a rispondere. Siamo sempre in prima fila a chiedere ai membri del governo a collaborare". 

"Ci tenevo a dire che quando parliamo di leale cooperazione noi siamo seri - ha detto Renzi - In passato qualcuno pensava di utilizzare il legittimo impedimento, noi siamo per accelerare i processi, si vada a sentenza si facciano i nomi dei colpevoli. Vogliamo la verità delle aule dei tribunali, non degli eco mediatici".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata