Immigrazione, Napolitano a Ue: Stop polemiche, mettiamoci dalla stessa parte

Roma, 3 lug. (LaPresse) - "Non vi stupisca che io tocchi un problema soltanto che è quello dell'immigrazione. Noi dovremmo non favorire polemiche sulle responsabilità che si prende l'Italia e che non si prende l'Unione europea o viceversa sugli errori dell'Italia e sulle sagge prescrizioni dell'Unione, ma dobbiamo veramente metterci dalla stessa parte del tavolo e chiederci come affrontare questo fenomeno". Così al Quirinale il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano durante l'incontro con il presidente Barroso e i commissari europei.

Questo fenomeno dell'immigrazione "che non chiamerei neanche più 'emergenza' ma che probabilmente è qualcosa di più profondo ed epocale, come diceva la signora Malmstrom". "Credo sia essenziale avere consapevolezza che gli immigrati che sbarcano o tentano di sbarcare in Italia o a Malta non sono un problema dell'Italia o di Malta ma sono un problema dell'Europa". "Credo sia essenziale - ha aggiunto - anche per sgombrare il campo da recriminazioni e da ritorsioni polemiche tra di noi".

"Noi abbiamo ogni giorno l'assillo personale e non solo politico di vedere sulla tv queste immagini" delle carrette del mare colme di migranti. "E' una grande pagina che stanno scrivendo le forze armate italiane".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata