Immigrati, Boldrini: Abbiamo bisogno del Maghreb, guardiamo al Sud

Roma, 25 giu. (LaPresse) - "Dobbiamo tornare" a guardare "a sud. Lo dobbiamo fare perché l'Europa, senza un ancoraggio nel Mediterraneo, non solo rinnega la propria storia, ma si dimostra incapace di guardare al futuro". Così la presidente della Camera, Laura Boldrini, intervenendo al Forum 'Mundi'. "Dobbiamo farlo - continua - perché di Italia e di Europa hanno bisogno, in questo momento, i Paesi del Maghreb, scossi dalle turbolenze e, talvolta, dalle violenze successive allo scoppio delle cosiddette 'Primavere arabe', ma anche pervasi da molta voglia di farcela, dalle speranze che quelle Primavere avevano sollevato. Quelle speranze dobbiamo riuscire a trasformarle in veri processi di consolidamento della democrazia, non possiamo disperdere quelle energie".

Per Boldrini "noi abbiamo il compito di accompagnare tutto questo per consolidare qualcosa di migliore. E dobbiamo farlo perché è utile per questi Paesi ma anche per noi. In alcuni casi, invece, questa energia si è trasformata in qualcosa di negativo, nello sfaldamento della società, nella negazione dei diritti. E invece questo non puo' e non deve succedere anche nei Paesi in cui è più forte il desiderio di democrazia".

E, infine, dice la presidente della Camera "dobbiamo tornare a guardare a sud perché anche noi oggi abbiamo bisogno di questi Paesi: non solo per le fonti energetiche alternative in un momento di crisi nei rapporti con la Federazione russa, ma anche perché c'è bisogno di maggior democrazia e di maggior stabilità in una regione geografica così vicina a noi e così scossa dalle violenze. E come farlo? Lo dobbiamo fare in diversi modi e sicuramente attraverso il dialogo, la conoscenza reciproca e l'ascolto dell'altro. Noi spesso non conosciamo i nostri vicini. Abbiamo bisogno di figure-ponte. Il professor Ben Helloun sicuramente è una di queste figure, che negli anni, attraverso scritti e conferenze, ha illustrato questo mondo cercando di renderlo per noi più fruibile, potenziando i punti di forza, non quelli di contrasto", conclude.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata