Il Def oggi in Parlamento, Salvini: "Nessun passo indietro"

Nessuna marcia indietro anche di fronte a una risposta negativa dei mercati. È la posizione sulla manovra del vicepremier Salvini: "Dobbiamo far ripartire il lavoro, anche se lo spread salisse a 400" dice in un'intervista il leader della Lega. Ma il differenziale ha aperto oggi in calo, a 274 punti, nel giorno in cui ci sarà la presentazione del Def in Parlamento: ieri l'esecutivo aveva frenato sul deficit, ascoltando le pressioni europee. Se infatti il rapporto deficit/pil sarà fissato al 2,4% nel 2019, la percentuale scenderà al 2,1 e all'1,8 rispettivamente nel 2020 e nel 2021. Lega e M5s hanno specificato che le misure, al via il prossimo anno, saranno finanziate con 20 miliardi di euro