Governo, tempi si allungano: ecco la possibile squadra di ministri
Tutto gira intorno a Paolo Savona

Tutto gira intorno a Paolo Savona. Sul tavolo del vertice di questa mattina tra Matteo Salvini, Luigi Di Maio e il premier incaricato Giuseppe Conte ci sarebbe ancora il nome dell'ex ministro per la casella dell'Economia. La questione però ancora non è chiusa definitivamente, tant'è vero che il nome di Giacarlo Giorgetti è ancora ben scritto sotto quello di Savona, ma è anche presente nel ruolo di sottosegretario alla Presidenza con delega ai servizi.

Rumors di palazzo infatti parlano dell'uscita dalla squadra di governo di Nicola Molteni, pronto a sostituire Giorgetti come capogruppo alla Camera. Nel caso in cui il braccio destro di Salvini fosse spostato al Mef, come sottosegretario andrebbe Lorenzo Fontana  (per ora agli Affari regionali). L'Agricoltura, dicastero caro alla Lega,  sarebbe accorpato al Turismo, sotto la guida di Gian Marco Centinaio. Lo Sviluppo economico e il Lavoro sembrano invece ancora fusi in un unico super-ministero con Luigi Di Maio pronto a dirigerlo. In caso di esclusione di Savona, però, dovrebbero essere, secondo la richiesta della Lega, scorporati, con il Lavoro che sarebbe assegnato ai 5Stelle e lo Sviluppo economico alla Lega.

Ancora vuote invece alcune caselle importanti, non perché manchi un nome bensì una assegnazione d'area. Si discute infatti ancora su le Infrastrutture, che la Lega rivendica con Stefano Candiani. Anche la Salute sarebbe ancora sul tavolo, pretesa invece da Movimento 5Stelle. Nota dolente il ministero degli Esteri su cui i pentastellati vorrebbero mettere il cappello con Enzo Moavero Milanesi, anche se è spuntato il nome di  Pasquale Salzano. Nel caso che prevalga l'ambasciatore, Moavero Milanesi si occuperebbe di Politiche Ue. Il fedelissimo Riccardo Fraccaro si occuperebbe dei Rapporti con il Parlamento, mentre Danilo Toninelli delle Riforme. Alfonso Bonafede tiene alla Giustizia, come del resto Salvatore Giuliano all'Istruzione. Ancora traballante invece la Difesa, con Elisabetta Trenta indicata dai 5Stelle, su cui però la Lega non è convinta.

Un rebus su cui Conte è a lavoro e non intende demordere. Salvini è volato a Milano, mentre Di Maio si trova alla Camera. Difficile che il premier incaricato salga oggi al Quirinale, rivelano fonti pentastellate, ma non è neanche escluso. Il capo dello Stato, Sergio Mattarella, si è tenuto libero, annullando la partecipazione alla Coppa delle Nazioni Intesa San Paolo del Concorso Ippico di Piazza di Siena, a villa Borghese. Nessuna comunicazione però al momento è stata fatta pervenire al Colle, neanche per quanto riguarda un eventuale giuramento di premier e ministeri.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata