Governo, profilo Conte al vaglio del Colle: nulla è deciso. Rispunta l'ipotesi Di Maio premier
Fico e Casellati ricevuti da Mattarella al Quirinale. Savona candidato al Mef e Giorgetti come sottosegretario alla presidenza del Consiglio

Non è stata presa alcuna decisione da parte di Sergio Mattarella su Giuseppe Conte, l'uomo indicato da Lega e M5S per il ruolo di premier. La figura del professore è al vaglio del Quirinale e al momento, dopo le indiscrezioni di stampa sul suo curriculum, il capo dello Stato potrebbe aspettare ancora un giorno per decidere ed eventualmente convocare l'incaricato giovedì per riportare la procedura nel giusto alveo costituzionale. Intanto si fanno sempre più insistenti le voci, secondo fonti parlamentari, di un ritorno sulla scena di Luigi Di Maio come possibile candidato premier. Ma fonti interne al partito smentiscono e ribadiscono invece la scelta di Paolo Savona al Mef e Conte come premier. "È lui il candidato alla presidenza del Consiglio dei ministri per il M5S ci mancherebbe altro - ha precisato la capogruppo pentastellata alla Camera, Giulia Grillo - E sono dispiaciuta dalla macchina del fango nei suoi confronti". Prova a mettere a tacere le polemiche, Matteo Salvini: "Abbiamo accolto l'indicazione degli amici dei 5 Stelle su questo e continuiamo a lavorare. Non ci sono stati ripensamenti. E Paolo Savona mi piace molto. La sua storia è una garanzia per gli italiani".

Intanto, nalla mattinata Mattarella ha ricevuto al Quirinale il presidente della Camera, Roberto Fico, e la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati. Nessuno di loro ha rilasciato dichiarazioni al termine dei colloqui.

Nuovo incontro anche tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Il faccia a faccia, che si è svolto a pranzo in una mensa del centro di Roma, è durato circa un'ora e mezza. Al centro della discussione gli ultimi dettagli in attesa della convocazione del presidente Mattarella.

Sul fronte della squadra di governo resta ancora in piedi la candidatura di Paolo Savona come ministro dell'Economia del governo Lega-M5S. Secondo fonti parlamentari, infatti, i nodi sarebbero tutti sciolti e il vicesegretario della Lega, Giancarlo Giorgetti, sembra destinato al ruolo di sottosegretario alla presidenza del Consiglio.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata