Governo, Mogherini in America Latina per rafforzare legami

Roma, 8 ago. (LaPresse) - La ministra degli Esteri, Federica Mogherini, ha fatto un viaggio in Cile e Colombia "con l'obiettivo di rafforzare ulteriormente i già solidi legami tra Italia e America Latina", come si legge in una nota della Farnesina. Il viaggio si è chiuso con la partecipazione alla cerimonia di insediamento del presidente colombiano Juan Manuel Santos. Nel giugno del 2015 a Milano, a margine di Expo, si terrà la conferenza Italia-America Latina. La ministra ha poi in programma di completare a ottobre un giro di altri tre Paesi: l'Argentina, che non ha potuto visitare nei giorni scorsi a causa dell'audizione al Copasir sulla crisi libica, il Messico e Cuba.

Nel corso della visita in America Latina, Mogherini ha avuto incontri con i massimi esponenti istituzionali dei due Paesi e con le comunità italiane. A Santiago, la ministra è stata ricevuta dalla presidente Michelle Bachelet e dal ministro degli Esteri Heraldo Muñoz, con i quali ha avuto uno scambio di opinioni sulla situazione politica, economica e sociale sia in Cile sia in Italia, in un momento in cui entrambi i governi sono impegnati in programmi di riforme.

La ministra ha anche visitato il museo della Memoria, con le testimonianze degli anni della dittatura di Augusto Pinochet e ha poi incontrato il segretario esecutivo della Cepal, Alicia Barcena. Nella sede dell'istituzione Onu ha tenuto una conferenza sul tema 'L'Italia e l'Europa, dopo le ultime elezioni europee: verso un nuovo partenariato con l'America Latina'. La visita a Santiago si è conclusa con la cerimonia di consegna dell'onorificenza di Grande ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica italiana alla ministra cilena della Cultura, Claudia Barattini. A Bogotà, nella prima visita di un ministro degli Esteri italiano dal 1993, Mogherini ha avuto un incontro con il presidente Santos, insieme con la minstra degli Esteri cilena, Angela Holguin, ed è stata ospite al ricevimento offerto agli invitati alla cerimonia di insediamento. Grazie alla presenza a Bogotà di delegazioni di molti Paesi dell'America Latina, la Mogherini ha avuto una lunga serie di bilaterali.

Mogherini ha incontrato anche la presidente del parlamento cileno, Isabelle Allende, e i colleghi del Messico José Antonio Meade Kuribreña, del Costa Rica Manuel Gonzalez Sanz, dell'Argentina Hector Timerman, il presidente di Panama Juan Carlos Varela, e il presidente del Perù Ollanta Humala. Ci sono poi stati colloqui tra la ministra italiana e il presidente della Banca interamericana di sviluppo, Luis Alberto Moreno, e con il presidente della Banca di sviluppo dell'America latina Enrique Garcia. Infine è stata ricevuta dal segretario generale dell'Organizzazione degli Stati americani, Josè Miguel Insulza.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata