Governo, Chiamparino: Aritmetica non mente, il resto è demagogia

Roma, 18 ott. (LaPresse) - "Sugli sprechi delle Regioni Renzi ha usato toni offensivi. Non è un nemico, è un interlocutore. Che ha fatto una proposta di manovra e che noi contestiamo su alcuni punti". Così Sergio Chiamparino, presidente della Conferenza delle Regioni, intervistato da 'la Repubblica'. "Personalmente condivido l'impianto della manovra" ma "propone per le Regioni cose impossibili. Non dico che siano giuste o sbagliate. Dico semplicemente che l'aritmetica gli dà torto. E l'aritmetica non è di destra o di sinistra, non gufa o sta col premier", spiega Chiamparino: "il calcolo è presto fatto. Il 90 per cento della spesa delle Regioni è fatto di sanità e trasporti pubblici. Se Renzi dice che le Regioni italiane devono risparmiare 4 miliardi senza toccare sanità e trasporto pubblico, dice una cosa impossibile da realizzare perché sul resto le Regioni spendono meno di 4 miliardi. Se vogliamo fare un po' di demagogia, allora vale tutto".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata