Giustizia, Ue: Politica tenga giù le mani da sistema indipendente

Bruxelles (Belgio), 27 mar. (LaPresse) - Sui rapporti tra politica e giustizia "dico solo giù le mani. Se vogliamo avere un sistema giudiziario indipendente, dobbiamo lasciarlo lavorare in modo indipendente". Così la commissaria europea alla Giustizia Viviane Reding, rispondendo a una domanda dei giornalisti, durante la presentazione del Justice Scoreboard, studio dell'Ue sul funzionamento dei sistemi giudiziari nei Paesi membri.

"L'Italia e il governo Monti - ha quindi aggiunto la Reding, in merito alla difficile posizione italiana nelle classifiche internazionali sull'efficienza dalla giustizia - sono stati pienamente consapevoli del fatto che i problemi del sistema giudiziario civile e amministrativo sono stati molto negativi per gli investimenti", ed è per questo che l'Ue "ha lavorato a stretto contatto" con il governo. Questo, ha proseguito la commissaria, è però "un lavoro che non si può fare in sei mesi", "bisogna andare avanti".

Presentando il rapporto, l'Ue ha voluto sottolineare soprattutto la necessità di avere sistemi giudiziari efficienti, anche per migliorare l'appeal dei singoli Stati agli investimenti. "Una giustizia di alta qualità, indipendente ed efficiente - ha detto il vicepresidente della Commissione europea Olli Rehn - è essenziale per un ambiente favorevole all'impresa. Questo nuovo Scoreboard aiuterà gli Stati membri dell'Ue a rafforzare il proprio sistema legale, aumentando i loro sforzi per stimolare gli investimenti e creare posti di lavoro".

Concetto ribadito anche dalla stessa Reding. "Decisioni giuridiche prevedibili, tempestive ed efficaci - ha affermato - sono importanti, perché le riforme nazionali della giustizia sono diventate una componente strutturale importante della strategia economica dell'Ue". Il rapporto, ha aggiunto la commissaria alla Giustizia, agirà "come sistema di allarme" per aiutare gli Stati membri nei loro sforzi volti ad avere "un sistema di giustizia più efficiente al servizio di cittadini e imprese".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata