Gay, Francesca Pascale: Battaglia su diritti civili è doverosa

Roma, 9 lug. (LaPresse) - "Renzi è giovane ed è spregiudicato, caratteristica che, come mi hanno insegnato, in politica è una virtù. Quindi io spero che trasversalmente maturi una nuova coscienza" sui diritti civili. "Non possiamo essere sempre gli ultimi. Nell'Inghilterra di Cameron, che è di destra o no?, sono più all'avanguardia". Così, su Repubblica, la fidanzata di Silvio Berlusconi, Francesca Pascale, intervistata ieri a Napoli dove ha ritirato le tessere di Arcigay e GayLib. "Io non sono né un'eletta né un dirigente di Forza Italia. E questo per certi versi - ha ribadito - mi rende più libera. Sono rispettosa del pensiero di tutti, ma credo che questa apertura sia al passo con i tempi".

"Prudenza", però, sui matrimoni tra omosessuali e sulle adozioni di bambini, "ma sulla libertà e la dignità dei cittadini tutti uguali non vedo alcun ostacolo". Una battaglia che Pascale definisce "doverosa. Poi detesto le ipocrisie. Ci sono anche persone - precisa - che di giorno fanno una vita, di notte hanno le loro legittime condotte".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata