Gasparri: Monti si faccia sentire da Ue, no a scontri sociali

Roma, 15 gen. (LaPresse) - "In un momento così drammatico per l'economia mondiale ed europea Monti deve battere i pugni nell'Ue perché si cambi linea e la Germania eviti di portare tutti al disastro. Su questa scelta Monti avrà il sostegno del Pdl. Mentre è un errore aprire decine di fronti di scontro sociale con intere categorie, che possono accettare riforme che nascano dal confronto con le istituzioni, ma non possono subire massacri che creerebbero disoccupazione e impoverimento". Così il Presidente dei senatori del Pdl Maurizio Gasparri. "Sarebbe incomprensibile - prosegue Gasparri - mentre le emergenze riguardano i massimi problemi, che il governo si intestardisse in 'guerre' ideologiche che non solo non portano crescita e occupazione, ma all'opposto possono aggravare la crisi, con meno lavoro per tutti. I tecnici facciano un bagno di realismo. Anche perché li vediamo timidi nel liberalizzare là dove ci sono interessi di potentati veri, e più decisi verso chi è più debole".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata