Gasparri: Berlusconi per Colle è leader incontrastato, deve potersi candidare

Roma, 15 ago. (LaPresse) - "Per il Colle è un leader incontrastato. Su Berlusconi non si può pensare a un percorso senza piena agibilità politica". Lo dice Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato, esponente del Pdl, ex ministro del governo Berlusconi, in una intervista al 'Corriere della Sera'. Napolitano "lì dove scrive che Berlusconi è il 'leader incontrastato' di un partito che ha un largo seguito nel Paese. Ecco usa proprio l'espressione 'leader incontrastato'. Non perché non sia contrastato, ma perché il fatto che sia incontrastato è un dato che nessuno può disconoscere".

Sulle dichiarazioni del Colle nella nota di due giorni fa sulla vicenda giudiziaria del Cavaliere, Gasparri dice: "Mi concentro sul bicchiere mezzo pieno. Il Capo dello Stato ha ripreso molti nostri punti di vista". Per Gasparri l'aggettivo "incontrastato" è importante "perché porta con sé la necessità per Berlusconi di avere una piena agibilità politica, cioè la possibilità di essere non solo leader sostanziale del Pdl, ma anche quello formale, a tutto tondo, a trecentosessanta gradi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata