Franceschini (Pd): Subito un governo di transizione

Roma, 10 ott. (LaPresse) - "Credo si debba spiegare al Paese che la proposta di un governo di transizione non è paura di elezioni, ma un atto di responsabilità verso il Paese". Lo afferma Dario Franceschini, capogruppo del Pd alla Camera, nel corso della assemblea nazionale dei Modem al palazzo della Cooperazione a Roma. Tuttavia, avverte Franceschini, l'ipotesi di un governo di transizione "non può rimanere in piedi all'infinito, ma fino a Natale", perché se a fine anno la Consulta si pronuncerà per l'ammissibilità del referendum sarà la destra a spingere per elezioni anticipate e sfruttare il 'porcellum'. Per Franceschini serve "un governo guidato da una grande personalità apprezzata a livello internazionale, sorretto da una larga base parlamentare, che faccia sostanzialmente due cose: adotti misure strutturali, di cui ognuno di noi si prenda la responsabilità e anche il merito, e la legge elettorale". "Su questo - aggiunge Franceschini - il partito è unito".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata