Fornero: Se piange Vendola 'grande uomo', se lo faccio io 'isterica'

Roma, 13 nov. (LaPresse) - "Quando ho dovuto menzionare la parola sacrifici, ho pensato ai miei genitori, che di sacrifici ne hanno fatti tanti: è venuto fuori il lato umano. Ma se piange Vendola i giornali scrivono che è un grand'uomo, che dimostra sensibilità. Se, invece, piange la Fornero, dicono che è una donna isterica o piagnona: me ne hanno dette di tutti i colori". Così il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, in un'intervista a Famiglia Cristiana, ritorna sulle lacrime versate in occasione della conferenza stampa di presentazione del decreto 'salva-Italia', quando cedette alla commozione per i "sacrifici" previsti dalla riforma delle pensioni. "Quella conferenza - ha spiegato il ministro - arrivava dopo 20 giorni di lavoro davvero stressante. Facciamo il Consiglio dei ministri alle tre di una domenica pomeriggio e subito dopo, senza neanche un preavviso, Mario Monti mi dice che c'è la conferenza stampa".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata