Fondi russi alla Lega, Mosca: "Non c'è nulla da commentare"
Fondi russi alla Lega, Mosca: "Non c'è nulla da commentare"

Il poravoce del Cremlino: "Notizie che non comportano nulla". Salvini "Non abbiamo niente da nascondere". Renzi: "E' alto tradimento"

Mosca interviene sui presunti finanziamenti russi alla Lega al centro di un'inchiesta del sito giornalistico Usa Buzzfeed. "Abbiamo visto le notizie sui media", "che non comportano assolutamente nulla, quindi non vediamo la necessità di commentare", ha dichiarato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, secondo l'agenzia russa Tass, rispondendo a una domanda su caso. "Una commissione d'inchiesta su finanziamenti ai partiti? Nessun problema, ne facciamo anche 7-8. Non abbiamo nulla da nascondere, no problem", ha detto venerdì il ministro dell'Interno e leader del Carroccio Matteo Salvini, tornando sulla vicenda. 

Attacca invece Matteo Renzi. "Non credo che la Lega abbia preso quei soldi. Ma il punto è che membri della delegazione del vicepresidente del Consiglio quei soldi li hanno chiesti. Se li hanno dati è corruzione internazionale, finanziamento illecito. Ma se uno che stava con Salvini, sovranista, li ha chiesti, è alto tradimento del Paese e su questo bisogna avere la forza di chiedere spiegazioni", ha detto l'ex premier Matteo Renzi nel corso di un incontro a Milano sulle fake news organizzato dai Comitati Ritorno al Futuro. "Salvini non può dire che quell'uomo era lì a sua insaputa. L'ultimo ministro dell'Interno che ha detto 'a mia insaputa' si è dimesso. Il punto fondamentale è che quello era al tavolo con Salvini. Se Salvini vuole querelare qualcuno quereli il suo uomo. Potrebbe farsi una selfie-querela", ha aggiunto il senatore Pd. 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata