Fondi Pdl, Crosetto: Via mele marce da partito o non c'è spazio per me

Roma, 22 set. (LaPresse) - "La misura è colma. Non c'è spazio nello stesso partito per tutto e il contrario di tutto. Per persone serie e professionisti del malaffare. In ogni organizzazione, gruppo, associazione ci sono mele marce. Ma si cacciano. O il Pdl ha la forza di fare pulizia completa, di liberarsi di quelli per cui la politica è esclusivo strumento di arricchimento o di alternativa ad un lavoro oppure non c'è più spazio per me e senza alcun problema tornerò a fare altro". Così, in una nota, il deputato del Pdl, Guido Crosetto. "Voglio un luogo di dibattito - aggiunge - un congresso di ricostruzione, delle regole severe, dei fatti. Basta con il fioretto. Serve il machete".

"Voglio con forza e senza paura - continua Crosetto - urlare che sono un una persona onestà, come molti moltissimi altri nel Pdl, che non ho mai approfittato dei miei incarichi, che faccio politica anche per ambizione ma soprattutto per provare a fare qualcosa per il mio paese, e che sono stufo di sentirmi sporco solo perché il Pdl non trova la forza di autoriformarsi. Questi professionisti della politica degenerata hanno molti più voti e tessere di me. . Ma i voti si prendono anche su un sogno, un progetto, una suggestione. Si prendono con idee e proposte sul lavoro, il fisco, la burocrazia. Io ho creduto a quello. E quello spirito voglio ricostruire, con persone nuove e pulite. Renzi sta portando quello spirito nel centrosinistra. Il centrodestra deve fare altrettanto".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata