Fisco, Salvini: Se Tria dice no a taglio tasse, problema sono io o lui

Milano, 26 lug. (LaPresse) - "Il governo è uno, all'interno però ci sono due forze che su alcuni temi hanno idee diverse, come su Tav e grandi opere, sulla flat tax, sulla quale ho scoperto ieri che Tria e Conte hanno idee diverse. Chi ci ascolta spesso ha difficoltà con i conti. Senza moltiplicare soldi, pani e pesci perché non ne siamo capaci, ma vogliamo ridurre le tasse, non a tanti, a tantissimi. Tagliare tasse e burocrazia è l'unico modo per aiutare le imprese. Si può parlare di salario minimo, ma chi lo paga? Le imprese". Così il vicepremier, Matteo Salvini, intervistato su Radio24.

Salvini ha aggiunto: "Se il ministro dell'Economia del Governo di cui faccio parte mi dice che il taglio delle tasse quest'anno non si fa, o il problema sono io o il problema è lui. L'Italia ha bisogno di uno choc fiscale forte, non possiamo accontentarci più di crescere dello zero virgola. Dobbiamo dare ossigeno agli imprenditori".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata